Cosa vedere a Verona in due giorni. Guida completa
COSA VEDERE A VERONA IN 2 GIORNI
VERONA

Cosa vedere a Verona in due giorni

Guida completa

Godersi un concerto nella scenografica cornice dell’Arena, passeggiare lungo l’Adige e perdersi nei vicoli medievali, sorseggiare un drink seduti sul listòn di Piazza Bra, ripercorrere le tracce dell’amore segreto tra Romeo e Giulietta raccontato da Shakespeare: sono tanti i momenti magici che questa città mondana ed efficiente, poetica e monumentale può regalare, ma se avete solo un weekend a disposizione, ecco qualche suggerimento su cosa vedere a Verona in due giorni.

 


Primo giorno: Basilica di San Zeno, Castelvecchio, Piazza Bra e Sottoriva

Iniziate dalla Basilica di San Zeno Maggiore: è una delle più belle chiese romaniche presenti in Italia, edificata sul luogo di sepoltura di San Zeno, che nel IV secolo d.C. convertì la città al cristianesimo. Il rosone detto Ruota della fortuna rappresenta l’ascendere e il precipitare dell’uomo nell’affrontare la sorte. Mentre sulla facciata in pietra di tufo e sul portale bronzeo, i bassorilievi raffigurano scene del Vecchio e Nuovo Testamento. Da vedere, all’interno, una pala di Andrea Mantegna del 1459.

Proseguendo lungo l’Adige ecco il profilo merlato del Ponte Scaligero e di Castelvecchio, fortezza edificata da Cangrande della Scala alla metà del Trecento, divenuta poi deposito di armi  e caserma. Oggi, grazie al lavoro dell’architetto Carlo Scarpa negli anni Sessanta, è una sede museale d’eccezione: ospita collezioni di arte medievale, rinascimentale e moderna.

Gettatevi nei vicoli: in breve tempo raggiungerete Piazza Bra, dominata dalla mole semplice e potente dell’Arena. L’anfiteatro venne costruito nel I secolo d.C. per ospitare lotte tra gladiatori e spettacoli di caccia ad animali feroci ed esotici; la forma ellittica consentiva di contenere fino a 30.000 spettatori. Fu nel 1913 che il tenore Giovanni Zenatello ebbe l’idea di utilizzare l’Arena come teatro lirico all’aperto, allestendo una rappresentazione dell’Aida che celebrasse il centenario della nascita di Verdi e consacrandola così a palco della stagione lirica più famosa del mondo.

Su Piazza Bra si affacciano anche l’ottocentesco Palazzo della Gran Guardia, oggi adibito all’allestimento di mostre ed esposizioni, e Palazzo Barbieri, edificato nel 1836 e attuale sede del Comune di Verona.

In serata fate una passeggiata in via Sottoriva., che corre parallela all’ansa dell’Adige e con il suo portico basso e cupo conserva intatto l’aspetto medievale. Qui, una volta, esistevano numerosi mulini, mentre oggi incontrerete soprattutto botteghe di antiquariato e vecchie osterie, molte delle quali dopo le 22.00 offrono musica dal vivo.

Alla fine della via, la Chiesa di Sant’Anastasia edificata nel 1290 grazie alle elargizioni dei signori veronesi, custodisce al suo interno il celebre affresco SanGiorgio e la principessa di Pisanello.

Per concludere la giornata, oltrepassate l’Adige percorrendo il Ponte Pietra: è una delle più antiche vestigia dell’età romana, a giudicare dal fatto che la sua struttura non è allineata col reticolo viario che si è sviluppato in seguito. Risale presumibilmente all’89 a.C.

 


Secondo giorno: Piazza delle Erbe, Palazzo della Ragione, Arche Scaligere e Teatro Romano

La mattina svegliatevi presto, perchè in due giorni le cose da vedere a Verona sono molte.

In Piazza delle Erbe, per secoli centro economico e politico della vita cittadina, si può sorseggiare un caffè e girellare tra le  bancarelle del mercato (dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle 20.00). Gli edifici e i monumenti che si affacciano su questa piazza hanno visto scorrere la storia: la Torre del Gardello e la fontana di Madonna Verona, fatte realizzare alla fine del XIV secolo da Cansignorio, le Case dei Mazzanti, affrescate nella prima metà del Cinquecento e il Seicentesco Palazzo Maffei. Tra questi però è stato Palazzo della Ragione l’emblema del potere civico: un maestoso edificio del XII secolo, dove in epoca comunale si riuniva il Consiglio cittadino e durante la signoria scaligera aveva sede il Banco di Giustizia. Nel cortile, la sontuosa Scala della Ragione, realizzata con marmo rosso veronese, conduce all’ingresso della Galleria d’arte moderna Achille Forti (orario di apertura: 10.00 – 18.00 orario invernale, 11.00 – 19.00 in estate) e alla Cappella dei Notai, un gioiello della pittura settecentesca.

Vale assolutamente la pena salire sulla Torre dei Lamberti – l’ingresso è vicino alla Scala – che con i suoi 84 metri offre un panorama unico del centro storico; per i veronesi, un modo per rendere un gentile tributo alla bellezza della loro città.

Riprendete il cammino passando sotto l’Arco della Costa: alzando lo sguardo vedrete penzolare sulla vostra testa una costola di balena, antica insegna di una bottega.

Passato l’Arco ci si trova in Piazza dei Signori, dove campeggia una statua marmorea di Dante, che a Verona trovò rifugio presso la corte di Cangrande della Scala, dopo essere stato esiliato da Firenze. Circondano la piazza edifici monumentali collegati da portici e arcate: il Palazzo del Governo, che era sede del Podestà, la rinascimentale Loggia del Consiglio e il Palazzo degli Scaligeri, che furono signori di Verona dal 1260 al 1387.

Nel cortile della cappella privata del Palazzo, la Chiesa di Santa Maria Antica, si possono ammirare le Arche Scaligere, le tombe monumentali della famiglia Scala: prime tra tutte quelle di  Cangrande I, Mastino II e Cansignorio.

Passate la serata a Veronetta, come Napoleone chiamò con disprezzo la zona della città a sinistra del fiume quando Verona fu divisa: il borgo storico ai francesi e la “piccola Verona” agli austriaci. Qui si può visitare la zona archeologica del Teatro Romano, costruito sulle pendici del Colle di S.Pietro in epoca augustea, e il Museo Archeologico, che ospita reperti provenienti da Verona e dalla provincia. Per finire, godetevi l’inaspettata armonia del Giardino dei Giusti, uno dei più bei giardini all’italiana del tardo Rinascimento. Il suo belvedere offre una vista mozzafiato della città.

La nostra camera a Verona

Dopo una giornata intensa niente di meglio che ritrovare la comodità di una stanza calda e confortevole, in un ambiente suggestivo immerso nel verde. Potete rilassarvi nel nostro Centro Benessere – l’ingresso è incluso nei servizi – dotato di piscina di acqua salata con angolo idromassaggio, sauna finlandese, bagno di vapore, doccia cromatica, angolo tisane, sala fitness e una vasca Jacuzzi in giardino per chi volesse godersi il sole.