Castel San Pietro: come arrivare e cosa vedere
CASTEL SAN PIETRO VERONA

Castel San Pietro

come arrivare e cosa vedere

 Guida a Castel San Pietro: storia, curiosità e leggende su uno dei luoghi più emozionanti di Verona, a due passi dalle rovine dell’antico Teatro Romano.

Castel San Pietro sorge nella zona di Verona a sinistra dell’Adige, che i francesi ribattezzarono dispregiativamente Veronette – piccola Verona – perché in mano agli austriaci. La sua posizione sul Colle San Pietro, che si eleva per qualche centinaio di metri, è strategica per il controllo della zona circostante. Per questo, già durante l’età del Ferro, sorse sul colle un primo nucleo abitativo e, in epoca romana, un luogo sacro e fortificato, a presidio del passaggio sull’Adige della via Postumia e del centro urbano, spostato al di là del fiume.

Oggi Castel San Pietro è una delle mete turistiche più gettonate di Verona, perché il piazzale offre uno dei panorami più suggestivi della città abbracciata all’Adige. Imperdibile.

 

Ecco dunque qualche suggerimento su come arrivare e cosa vedere lungo il percorso per Castel San Pietro.

 


Castel San Pietro: cosa vedere

 Quello che tutti chiamano Castello è in realtà una caserma austriaca, che il feldmaresciallo Radetzky fece realizzare – tra il 1854 e il 1856 – quanto più possibile simile ad un castello, in armonia con le preesistenti mura scaligere. La collocazione sul colle San Pietro permetteva agli austriaci di dominare la città e, in caso di necessità, colpirla dall’alto con l’artiglieria.

La caserma è alta quattro piani, con due torri laterali, 87 stanze, e poteva ospitare 460 soldati. Purtroppo attualmente è inaccessibile e si possono visitare solo gli spazi esterni.

Da sempre la collina è stata un luogo fortificato: dopo i romani, fu Berengario, tra il IX e il X secolo, a consolidarne la funzione difensiva facendo costruire un castello, poi Cangrande della Scala proseguì l’opera, facendo erigere anche una possente cinta muraria, alta 8 – 9 metri e protetta da un profondo fossato. Le mura scaligere, formate da cortine e torri, sono parte integrante della cinta muraria urbana che si osserva oggi nel suo assetto definitivo, lungo 9 km.

Gian Galeazzo Visconti nel 1393 fece realizzare, sovrapponendolo alle precedenti edificazioni, il Castello visconteo e i veneziani lo rafforzarono ulteriormente. Purtroppo l’esercito francese di Napoleone, nel 1801, distrusse quasi completamente castello ed edifici interni, compresa la chiesa di San Pietro che risaliva all’VIII secolo.

È grazie al fascino ricco di storia di siti come Castel San Pietro, che Verona nel 2000 è stata designata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, per la sua architettura e la struttura urbana, che rappresentano un eccezionale esempio di città fortificata, caratteristica della storia europea.



Castel San Pietro: come arrivare

Se vi state muovendo in auto a Verona, sappiate che a Castel San Pietro si può parcheggiare, se trovate posto, proprio nel piazzale antistante. Ci sono comunque numerosi parcheggi in zona. I più vicini: piazza Martiri della Libertà, vicolo Botte, via Santo Stefano, piazza Cisterna, piazza Isolo (il più grande; l’ingresso è in Via Ponte Pignolo 6/C e il costo di 2,10 euro/h).

Castel San Pietro si raggiunge molto comodamente con la funicolare storica di Verona, che si trova nelle immediate vicinanze del Teatro romano (via Fontanelle di Santo Stefano 6). Inaugurata nel 1941 e chiusa qualche anno più tardi a causa delle difficoltà economiche portate dalla guerra, la funicolare è tornata in funzione nel 2017. È aperta dalle 11.00 alle 21.00 (ultima corsa ore 20.45) da aprile e ottobre e dalle 10.30 alle 16.30 da novembre a marzo. Chiusure festive: 25 dicembre e 1 gennaio. IL costo del biglietto è 2 euro per salita e discesa.

Il nostro suggerimento spassionato è però quello di fare una passeggiata, per assaporare questo percorso nella storia.

Si può partire da Ponte di Pietra, una delle più antiche testimonianze della Verona romana e, fiancheggiando la zona archeologica del Teatro romano, imboccare il vicolo Scalone di Castel San Pietro, che porta fino alla sommità del colle.

Chi lascia l’auto nel parcheggio di Via Ponte Pignolo, può raggiungere Castel San Pietro con una camminata un po’ più lunga, di 20 minuti circa. Percorrendo Via San Giovanni in Valle, si passa davanti ad un’area verde delimitata da antichi edifici di origine medioevale detta Corte del Duca: in quest’area sorgeva il Palacium di Teodorico, e successivamente la reggia di Alboino, re dei Longobardi, che conquistarono Verona nel 568 d.C. Poco distante, incontrerete la Chiesa di San Giovanni in Valle, edificata nel VI secolo su un tempio romano dedicato al dio sole, che successivamente goti e longobardi adibirono al culto ariano. Nella cripta sotterranea, che custodisce reperti paleocristiani e pagani, le tracce del susseguirsi dei culti sono evidenti. Imboccando sulla sinistra la Salita Fontana di Ferro arriverete infine a Castel San Pietro.

 

 

La nostra camera a Verona

Se subite il fascino della storia e cercate per il vostro soggiorno una cornice suggestiva, allora l’Hotel Veronesi La Torre è la perfetta base di partenza per andare alla scoperta di Verona e delle bellezze del suo territorio. Mattoni rossi alternati a pietre bianche, il nostro hotel nasce all’interno di un antico monastero del XVI secolo, immerso in una rilassante corte verde fuori dalla città.

Per raggiungere il centro storico e l’aeroporto offriamo un servizio di navetta gratuito, comodo e veloce.