Rafting sull'Adige, un'occasione per conoscere Verona e del suo fiume
rafting sull'adige verona

Rafting sull’Adige

Un’occasione per conoscere Verona  dal suo fiume

Fare rafting sull’Adige è non solo un’avventura, ma il modo migliore per conoscere Verona e il suo territorio. Scopri di più!

Fare rafting sull’Adige è non solo un’avventura, ma il modo migliore per vedere Verona da una prospettiva inedita e capire la storia del fiume Adige, cosa ha rappresentato per la città e il suo territorio. L’Adige è sempre stato per le popolazioni che vivevano lungo le sue sponde una risorsa fondamentale e una minaccia al tempo stesso; talvolta responsabile di alluvioni devastanti, che hanno determinato il passaggio dall’abbondanza alla carestia.

Miti e leggende sul fiume Adige ne hanno alimentato l’aura misteriosa, come quella della bestia, metà donna e metà serpente, che viveva nella zona tra Roverchiaretta e Bonavigo, e si cibava dei bambini che trovava a gironzolare da soli sulle sponde del fiume, o il mito di Carpanea, la leggendaria città fortificata da sette ordini di mura e cento torri, che sorgeva tra i fiumi Adige e Tartaro e che sprofondò sott’acqua.

I grandi lavori di canalizzazione e rettifica realizzati dall’Impero asburgico nell’Ottocento hanno domato il potente corso d’acqua, rendendolo più sicuro per gli abitanti delle sue sponde, ma alterandone profondamente la morfologia: le dimensioni dell’alveo in alcuni tratti si sono ridotte fino al 70% e sono scomparsi isolotti ricchi di vegetazione, canali secondari, barre di sedimento, zone paludose e meandri. La trasformazione del fiume, con la costruzione di muraglioni e ponti, ha accompagnato lo sviluppo urbano di Verona e ne è stata lo sfondo.

 


Antichi mestieri sul fiume Adige

mulini antichi sull'adige veronaIl rafting si può fare in vari punti del fiume. Noi vi suggeriamo il tragitto che attraversa il centro storico di Verona, che consente di ammirare dal gommone chiese e palazzi sontuosi, mura, fortezze e il teatro romano, ma soprattutto di ripercorrere il legame indissolubile tra questa città e il suo corso d’acqua, osservando i luoghi dove, dal Medioevo in poi, si svolgevano i mestieri e fioriva l’economia legata al fiume.

L’Adige rappresentava una via di comunicazione certa e veloce tra i Paesi del Nord Europa e quelli del Mediterraneo, che avevano nel porto di Venezia il punto di arrivo delle merci. Erano i barcaroli a effettuare i trasporti con il burchio, la tipica imbarcazione a fondo piatto utilizzata nella navigazione fluviale, che i cavallanti in alcuni tratti trascinavano con i loro cavalli.

I radaroli o saltieri partivano dal Trentino con le zattere cariche di legname destinato agli artigiani veronesi, per proseguire poi fino a Venezia. Nella navigazione utilizzavano lunghi pali per saggiare il fondale del fiume durante i passaggi vicino alle rocce o alle secche; entrati in città l’attracco più importante era lo scalo di Isolo, zona di segherie e di commercio di legname, ma anche zona di squari, che fabbricavano e aggiustavano barche utilizzando assi di abete e larice per il fondo, quercia e rovere per l’interno.

Nella zona di Ponte di Pietra i sabbionai raccoglievano la sabbia destinata alla produzione della malta per la costruzione degli edifici oppure utilizzata dai marmisti per levigare la pietra. Mentre i  molendinari utilizzavano l’acqua del fiume per far funzionare i loro mulini e produrre farina  almeno dal IX secolo, secondo il primo documento che parla del loro mestiere.

Infine lungo le rive del fiume non era raro imbattersi nei lavandari che con il loro carretto ritiravano la biancheria sporca e consegnavano quella pulita, lavata nell’Adige.

Ecco dunque le migliori proposte di rafting sull’Adige che attraversano Verona.

 


Rafting sull’Adige a Verona: proposte e prezzi

Adige Rafting propone Verona vista dal fiume, con imbarco presso il Centro sportivo Bottagisio (via del Perloso 14 A) e arrivo in zona Boschetto presso il maneggio (Lungadige di Galtarossa 40).

La durata complessiva è di 3 ore e prevede una tappa al Museo dell’Adige, che ha sede presso l’antica Dogana e raccoglie foto di archivio che testimoniano la vita e le attività che si svolgevano sul fiume. Punto di imbarco e di arrivo sono attrezzate per una sosta pic-nic.

La discesa si effettua tutti i giorni su prenotazione. Il costo è 25 euro per gli adulti, 18 euro per bambini fino a 12 anni.

Altra possibilità è Aperitivo sul fiume, una discesa in tre tappe con degustazione di vini locali. Il ritrovo è alle ore 17.45 presso Ponte dei Navi (lato San Fermo), da qui si raggiunge con una navetta la base nautica in zona Chievo, dove viene servito il primo aperitivo a base di Sauvignon e tagliere di salumi e formaggi. Seconda sosta presso Castelvecchio, dove si assaggia uno Schiava e tappa finale alla settecentesca Dogana d’acqua, dove vengono serviti primo piatto e dessert accompagnati da Pinot grigio. Visita al Museo dell’Adige e fine delle attività prevista per le 21.00.

Il costo è unico, di 35 euro.

Per informazioni e prenotazioni: 347.8892498 o info@adigerafting.it.

La nostra camera a Verona

Dopo una giornata intensa niente di meglio che ritrovare la comodità di una stanza calda e confortevole, in un ambiente suggestivo immerso nel verde. Potete rilassarvi nel nostro Centro benessere – l’ingresso è incluso nei servizi – dotato di piscina di acqua salata con angolo idromassaggio, sauna finlandese, bagno di vapore, doccia cromatica, angolo tisane, sala fitness e una vasca Jacuzzi in giardino per chi volesse godersi il sole.