Itinerari

chiara

24 Giugno 2021

Nessun commento

Pagina iniziale Vivi Verona

Cosa vedere a Valeggio sul Mincio

Cosa vedere a Valeggio sul Mincio: itinerari a piedi e in bici

Col verde delle sue colline e le sue soleggiate piste ciclabili, Valeggio ti regalerà una giornata davvero indimenticabile durante il tuo viaggio a Verona!

Se state cercando una gita da fare nei dintorni di Verona, non potete perdervi il borgo medievale di Valeggio sul Mincio. Definita “città d’arte” Valeggio si trova tra la Lombardia e il Veneto, non solo geograficamente, ma anche per quanto riguarda la lingua, le tradizioni e la cultura. Situato tra le colline moreniche, lungo il corso del fiume Mincio, Valeggio confina con alcuni comuni del lago di Garda come Castelnuovo del Garda e Peschiera del Garda, e alcuni comuni in provincia di Verona, tra cui Villafranca e Sommacampagna. Di seguito vi consigliamo i luoghi e i monumenti che non potete assolutamente perdervi.

Il Castello Scaligero Di Valeggio

Il Castello Scaligero di Valeggio domina dall’alto la valle del Mincio ed è simbolo della città.  Per raggiungerlo si può prendere un trenino turistico oppure andare a piedi, percorrendo una scalinata che parte dal centro di Valeggio. Questo castello fu costruito dagli Scaligeri nel 1285 per la difesa dei loro domini. Nel 1345 Mastino II della Scala cominciò i lavori del “Serraglio Castellano”, una fortificazione costituita da fossati e mura merlate interrotte da piccole torri che partiva dal Castello e circondava Valeggio, arrivando fino al Castello di Villafranca. La sua parte più antica è stata distrutta durante il terremoto del 1117, ma di essa rimane la Torre Tonda, una costruzione a forma di ferro di cavallo che insieme ad altre tre soleva formare una fortificazione a pianta trapezoidale. La parte ancora visibile al giorno d’oggi si chiamava “la Rocca” e vi si poteva accedere tramite due ponti levatoi. Attraversando un terzo ponte, l’unico ancora visibile, si poteva accedere al vero e proprio castello, di cui rimangono solo dei resti. In estate il cortile interno viene utilizzato per ospitare spettacoli e proiezioni cinematografiche.

Parco Giardino Sigurtà

Poco distante dal castello si trova Villa Sigurtà, costruita nel XVII secolo e abitata in origine da conti locali. In epoca napoleonica questo edificio divenne quartier generale dei francesi e residenza di Napoleone III. Vicino ad esso si trova Parco Sigurtà, un tempo collegato ad essa, nominato parco più bello d’Italia nel 2013 e secondo parco più bello d’Europa nel 2015. Qui si trovano 40.000 piante di bosso, 18 corsi d’acqua, 30.000 rose, 1500 esemplari di tasso e 50 varietà di piante annuali. Consigliamo di visitare questo parco soprattutto in primavera, quando sbocciano i primi fiori. Nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio, vi si possono ammirare varietà di tulipani, iris e rose, mentre in estate fioriscono le dalie e in autunno le rose. Il parco ospita anche un labirinto formato da siepi provenienti da tutto il mondo. Per informazioni più dettagliate sul parco, leggete questo articolo che trovate sul nostro blog.

Chiesa di San Pietro in Cattedra

Questa chiesa in stile neoclassico vi rimarrà impressa per via della sua facciata incompleta e per il suo portale in bronzo, realizzato nel 2006 in occasione del 200° della consacrazione.

Fu costruita nel 1753 sopra i resti di una precedente chiesa del 600. Il suo interno è sobrio, una grande navata accompagna lo sguardo del visitatore verso una pala ottocentesca, opera di Saverio della Rosa, che raffigura il trionfo di Pietro. Sopra la porta d’ingresso si può ammirare un dipinto di Germano Prendaglio, che ritrae la cacciata dei mercanti dal Tempio. Degno di nota è anche l’organo a canne, del 1812, di Giovanni Battista Sona, completamente restaurato e funzionante. Inoltre, vale la pena menzionare la cinquecentesca cappella dell’Oratorio, situata sul lato sinistro della chiesa, che costituisce l’edificio sacro più antico di Valeggio.

Cibo locale

Se si è in visita a Valeggio non si può non assaggiare il suo cibo locale, ovvero i famosi (e squisiti!) tortellini di Valeggio, detti agnolin in dialetto. Sono composti da una sfoglia di pasta fatta con farina e uovo ed un ripieno a base di carne mista, ma si possono anche trovare versioni con ripieni diversi tra cui ricotta e spinaci, tartufo, zucca o radicchio rosso. Possono essere gustati in brodo oppure asciutti, con burro e salvia. Passeggiando per la città vi capiterà sicuramente di imbattervi in numerose pastifici dove potrete non solo assaggiare i tradizionali tortellini ma anche acquistarli e portarli a casa. Ci sono vari eventi legati a questo cibo tradizionale, il più famoso dei quali è la festa del Nodo D’Amore. Così infatti veniva chiamato il tortellino, grazie ad una leggenda che vedeva come protagonisti il Capitano Malco e la Ninfa Silvia. Essendo il loro amore contrastato, i due innamorati si rifugiarono nelle acqua del Mincio lasciando come pegno d’amore un fazzoletto di seta dorato annodato. Da quel giorno, nei giorni di festa, si preparano i nodi d’amore in ricordo dei due innamorati e si allestisce una tavolata lunghissima per oltre quattromila ospiti.

Escursioni in bicicletta

E’ possibile includere Valeggio sul Mincio nel proprio percorso in bicicletta, se si decide di intraprendere un tour a due ruote della zona. Lungo il Mincio infatti si estende una pista ciclabile lunga 43km, che inizia a Peschiera e finisce a Mantova. Lungo il percorso vi imbatterete in vari luoghi che vale la pena esplorare: Peschiera del Garda, Ponti sul Mincio, Monzambano, Valeggio sul Mincio, Borghetto sul Mincio, Volta Mantovana, Pozzolo, Goito e Marmirolo. Il tratto da Peschiera a Borghetto è lungo 12km e costeggia il fiume Mincio: qui potrete ammirare i numerosi ponti che lo attraversano e vi imbatterete in molte persone che praticano le attività più disparate, dalla pesca al canottaggio. Il tratto che va da Borghetto a Mantova, invece, dura 30km ed ha un paesaggio diverso, caratterizzato da vari canali che si snodano attraverso la pianura mantovana. Mantova è stata inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità dell’UNESCO, per cui vi suggeriamo di visitare questa meravigliosa cittadina e di perdervi nelle vie del suo centro.

La nostra camera a Verona

Se avete deciso di visitare Verona ed i suoi meravigliosi dintorni, soggiornate presso Hotel Veronesi La Torre. Distante solo 9 chilometri da Verona e circa 19 chilometri da Valeggio sul Mincio, l’hotel si trova in una posizione strategica vicino all’aeroporto ed è ben collegato ad altre destinazioni del Veneto tramite le autostrade A22 e A4. Le nostre camere a Verona hanno ampi spazi per rilassarsi e sono dotate di ogni comfort. Incluso nel prezzo della camera c’è l’ingresso al centro benessere dell’Hotel ed un servizio navetta per il centro storico, la stazione e l’aeroporto.

Prenota il tuo Soggiorno

Non farti sfuggire le offerte della settimana e scopri la città degli innamorati!

Tags :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.